Grotta di Sant’Elia

grotta_palmento_1

L’arrivo dello Speleota alle grotte di Melicuccà coincide con un episodio di recrudescenza delle invasioni saracene sulle coste della Calabria reggina, nel corso delle quali viene distrutta Taureana, sede vescovile. Le popolazioni costriere si spostano all’interno (Seminara).
Il complesso delle grotte di S. Elia Speleota, con i resti del contiguo cenobio basiliano e delle frabbriche annesse (cantina, mulino, necropoli, palmento, etc.), risalenti al X secolo, rappresente oggi una delle più cospicue testimonianze archeologiche della grecità bizantina nella Calabria meridionale. Sulla destra vi è una specie di acquasantiera in pietra che raccoglie l’acqua che gocciola da una vena che giunge proprio all’interno della grotta. Questo fatto ha già del prodigioso, data la struttura geologica del luogo: la sorgente detta “acqua del giardino di S. Elia” è molto più a valle, e nei secoli si è abbassata continuamente lungo la scarpata. Invece l’acqua della grotta continua ininterrottamente a gocciolare con un ritmo costante e quasi matematico.