Il porto insabbiato

dscf2086

Il Porto di Saline Joniche, in provincia di Reggio Calabria, aveva la funzione di servire l’area industriale della ex Liquichimica Biosintesi, un gruppo di insediamenti industriali realizzati negli anni ’70 con i fondi del cosiddetto “Pacchetto Colombo” e praticamente mai entrati in funzione, che danno al territorio l’aspetto di un piccolo cimitero industriale. Il 12 dicembre 2003 una mareggiata ha causato il crollo per una lunghezza di 100 m nella parte centrale del molo di sopraflutto. Attualmente è insabbiato a causa del gioco delle correnti, che trasportano sabbia strappata alla costa ionica, ostruendone l’imboccatura.

Il porto di Saline Joniche è protetto da un molo di sottoflutto lungo 400 m e da un molo di sopraflutto a due bracci di 750 m. Nel porto si trova inoltre un bacino di evoluzione e una darsena con un pontile.
Pericoli: dal 12/12/2003 in seguito ad una mareggiata che ha causato il crollo per una lunghezza di m 100 nella parte centrale del molo di sopraflutto e per il successivo e completo insabbiamento dell’imboccatura il porto è inattivo, non illuminato e i fanali di ingresso non funzionano.
Accesso: consentito solo per emergenza, avaria o condimeteo avverse, previa autorizzazione della locale Autorità Marittima.
Fari e fanali: 3382 (E 1780.8) – fanale a lampi gialli, periodo 3 sec., portata 3 M, segnala una presa d’acqua marina; 3382.5 (E 1781) – fanale a luce fissa rossa, 2 vert., portata 3 M, sul pontile n. 2; 3383 (E 1780.5) – fanale a lampi verdi, periodo 4 sec., portata 4 M, sulla testata del molo di sopraflutto; 3383.2 (E 1780.6) – fanale a lampi rossi, periodo 4 sec. portata 4 M, sul molo di sottoflutto; 3383.4 (E 1780.7) – fanale a luce fissa verde e rossa, 2 vert., portata 1 M, in testata al pontile interno.
Fondo marino: ghiaioso.
Fondali: in porto massimo 2,5 m.
Radio: vhf canale 16 (ascolto diurno)
Divieti: con Ordinanza n°57/05 del 07/09/2005 di Compamare Reggio Calabria è vietato l’accesso, il transito e la sosta di persone e veicoli non autorizzati nell’ambito portuale.
Venti: mezzogiorno, scirocco e libeccio
Rade sicure più vicine: Capo Riace, Capo d’Armi.