La centrale non serve

10592959_842073492491063_626776017736438943_n

‘Buone notizie per i cittadini calabresi e il futuro di Saline Joniche: c’è spazio per fermare da subito l’anacronistico e antieconomico progetto di realizzare una centrale a carbone nel comune di Montebello Jonico. Un progetto vecchio che non ha più senso”. Lo afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commentando la risposta del Mise alla sua interrogazione sulla costruenda centrale a carbone di Saline Joniche.

”E’ chiaro infatti – aggiunge – non c’è bisogno di nuove centrali elettriche tradizionali, visto che già oggi abbiamo piu’ impianti energetici convenzionali di quelli che servono al Paese. Tanto che la stessa Enel ha annunciato non solo di rinunciare alla conversione a carbone di Porto Tolle, ma anche la chiusura di 23 centrali termoelettriche alimentate a fonti fossili. Il rilascio dell’autorizzazione da parte del Mise e’ infatti subordinato per legge al parere motivato della Regione.

Per sapere di più vai a questo link