Agricoltura Urbana

18-AGRICOLTURA-URBANA-P1_tracc_BASSA1-622x831 copia

La produzione agricola è sempre stata una presenza importante, anche se intermittente, all’interno delle città. È stata vitale in periodi di crisi economica e sociale, dopo i disastri ambientali o durante i conflitti.  Oggi l’agricoltura urbana vive una fase di grande espansione, che è cominciata negli anni settanta e ha subìto una forte accelerazione negli ultimi quindici anni. Questa “rinascita” è partita dalle città del sud del mondo in risposta all’impennata dei prezzi del cibo, ed è stata presto riconosciuta dalla Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) come uno strumento fondamentale per contrastare l’aumento della povertà estrema nelle città.

In Nordamerica e in Europa il fenomeno si è arricchito di nuove motivazioni, come la sostenibilità ambientale e la ricerca di modelli alimentari alternativi agli schemi dominanti. In molti casi la creazione non autorizzata di orti urbani fa parte di più ampi progetti politici nati dal basso, in cui i cittadini svolgono un ruolo attivo nella definizione degli spazi pubblici, contrastando la speculazione edilizia e l’abbandono di alcune aree. (Mappe di Nieves López Izquierdo)

Per vedere le altre pubblicate su Internazionale visita questo link